dormakaba
pic_WP_SmartBuilding_Partner_1040x260

"L'automazione ha un enorme potenziale di risparmio".

Oliver Borchmann, Senior Vice President Product Development AS DACH di dormakaba, sull'efficienza energetica degli edifici intelligenti.

Quasi il 40% del consumo energetico in Germania è imputabile al settore edile, che offre quindi un grande potenziale di risparmio energetico. Se il governo federale ha la sua strada, entro il 2050 gli edifici esistenti dovrebbero essere quasi neutri dal punto di vista climatico. Oliver Borchmann ci ha parlato in un'intervista del ruolo che l'edificio intelligente può giocare in questo.

dormakaba: Come valutate lo stato dell'efficienza energetica negli edifici? 

Oliver Borchmann: In linea di principio, le cose stanno progredendo in Germania. Negli ultimi anni, l'attenzione si è concentrata soprattutto sulla promozione dell'isolamento negli edifici esistenti e di nuova costruzione. Molto è stato fatto, soprattutto nei componenti edilizi come finestre, porte e facciate. Anche l'ottimizzazione degli impianti di riscaldamento esistenti gioca un ruolo importante: chi ottiene la certificazione può mantenere o addirittura aumentare il valore del proprio edificio.

Come spesso accade, un problema è che la ristrutturazione strutturale dell'involucro dell'edificio, che è orientata all'isolamento termico, riduce il consumo energetico ma è anche estremamente costosa.

In che modo l'automazione degli edifici può contribuire all'efficienza energetica?

Molto: se la ventilazione, il riscaldamento e l'illuminazione possono essere controllati da un sistema centrale a seconda dell'ora del giorno, degli influssi ambientali o delle esigenze personali, questo da solo offre un enorme potenziale di risparmio.

E mentre gli edifici commerciali sono già ben posizionati in Germania, il grado di automazione è ancora basso (10%) nei nuovi edifici privati. Poiché in Germania ci sono anche molti edifici esistenti, la necessità di automazione nelle ristrutturazioni è ancora maggiore. In generale, tuttavia, si può affermare che la Germania è tra i leader mondiali nel campo dell'edilizia intelligente e quindi anche dell'efficienza energetica.

Cosa contraddistingue per voi un edificio intelligente?

Un edificio intelligente è caratterizzato dal fatto che utilizza sistemi di assistenza insieme all'automazione per aumentare il comfort, la sicurezza e l'efficienza energetica. Parametri come il colore della luce, la luminosità o il clima interno vengono adattati alle esigenze individuali o ai profili senza che gli utenti dell'edificio se ne accorgano. Ciò comporta un'analisi costante di dove e perché il consumo è più elevato per ottimizzarlo in modo mirato.

Prendiamo come esempio il clima interno: poiché la maggior parte del calore fuoriesce dall'edificio attraverso porte aperte, i sistemi di porte scorrevoli intelligenti possono garantire una maggiore efficienza energetica. Semplicemente facendo in modo che i sensori adattino i tempi di apertura al comportamento di deambulazione e diano l'impulso di chiusura immediatamente dopo il passaggio.

"Un edificio intelligente è caratterizzato dall'utilizzo di sistemi di assistenza e automazione per aumentare il comfort, la sicurezza e l'efficienza energetica."

Dove vedete altre tendenze e innovazioni in termini di efficienza energetica negli edifici?

In primo luogo, si tratta di controllare in modo ancora più efficiente i principali fattori d'influenza come quelli già citati. Questo può essere fatto, ad esempio, a seconda dei profili utente o dei rilevatori di presenza. Se le condizioni di luce e le temperature ambiente si regolano in modo dinamico, si è già guadagnato molto.

Un altro sviluppo è quello di controllare gli edifici in modo tale che l'energia generata dall'edificio venga utilizzata al massimo. Lo stoccaggio tramite accumulatori e la gestione intelligente dell'energia possono renderlo possibile. Vedo ulteriori innovazioni nel monitoraggio dei dati degli edifici e nell'accesso remoto ai sistemi di edifici intelligenti - ad esempio, tramite lo smart metering e l'Internet degli oggetti.

Quale ruolo possono svolgere gli edifici come "prosumer"?

Per raggiungere gli obiettivi climatici fissati dal governo tedesco, gli edifici dovrebbero essere sia produttori di energia che consumatori. Il primo può essere realizzato attraverso sistemi fotovoltaici, micro e mini unità di cogenerazione o apparecchi di riscaldamento a celle a combustibile.

Collegando questi edifici alla rete di distribuzione attraverso le reti intelligenti e immettendo nella rete l'energia in eccesso, essi possono anche alimentare altri edifici e alleviare la tensione della rete elettrica. È quindi chiaro che gli edifici stanno diventando sempre più importanti come prosumer della svolta energetica.

Cosa è importante per l'automazione negli edifici esistenti e cosa è importante per i nuovi edifici?

Nel settore commerciale come in quello delle nuove costruzioni, l'automazione è naturalmente più semplice e il grado è quindi più alto. Nel caso di ristrutturazioni in edifici esistenti, la cosa più importante è la successiva integrazione con il minimo sforzo possibile

e quindi costi contenuti. Molte soluzioni sono semplicemente ancora troppo costose, motivo per cui sono particolarmente richieste soluzioni "plug and play" o wireless facili da installare. In generale, l'automazione deve diventare ancora più attraente per il gestore dell'edificio o l'investitore.

Cosa possono fare architetti, progettisti e operatori per garantire il raggiungimento degli obiettivi climatici?

In sostanza, il settore dell'edilizia si occupa di portare avanti l'attuazione dell'automazione e quindi anche dell'ordinanza sul risparmio energetico (EnEV). È qui che i pianificatori sono più richiesti. Per gli architetti e gli investitori, l'immagine dell'edificio gioca un ruolo importante - se i sistemi ad alta efficienza energetica portano alla certificazione degli edifici, sono più facili da "vendere". Gli operatori, d'altro canto, si preoccupano principalmente del livello dei costi del ciclo di vita, poiché questi sono molto più alti dei costi iniziali di costruzione durante la vita utile dell'edificio. Possono essere mantenuti bassi utilizzando sistemi ad alta efficienza energetica.

Quindi, se tutti i mestieri, la politica e la società si uniscono, le possibilità di un futuro edilizio più intelligente e quindi più efficiente dal punto di vista energetico sono molto buone.

Grazie mille per l'intervista, signor Borchmann!

E se volete saperne di più sull'efficienza energetica negli edifici intelligenti, potete trovare il nostro white paper "Edifici più verdi per un futuro a minore emissione di biossido di carbonio".


pic_weknowhow_web_10_interview

In qualità di Senior Vice President, Oliver Borchmann è responsabile dello sviluppo del prodotto nel segmento AS DACH e si occupa di pre-sviluppo, sviluppo, gestione del progetto e sostenibilità per i gruppi di prodotti Door Hardware, Entrance Systems e Interior Glass Systems.

Oliver Borchmann ha studiato ingegneria elettrica ed è stato responsabile prima di dormakaba come amministratore delegato e vicepresidente globale per la ricerca e sviluppo e la gestione dei prodotti in un'azienda internazionale di building automation.