dormakaba
Rassegna stampa
Fiere ed eventi Più
News
Rassegna stampa Più

Controllo accessi dormakaba per il terminal del porto di Venezia

Venezia Terminal Passeggeri Spa è la società che, dal 1997, gestisce i dieci terminal multifunzionali, deposito, parcheggi e banchine nelle aree di Marittima, San Basilio e Riva dei Sette Martiri, fornendo servizi di alta qualità alle navi che approdano presso lo scalo lagunare. Al fine di innalzare i livelli di sicurezza del porto, in linea anche con il nuovo codice ISPS - International Ship and Port Facility Security, che definisce le nuove direttive in materia di sicurezza e controllo accessi nei porti, la società di gestione dello scalo portuale ha adottato un sistema di controllo accessi dormakaba per monitorare in modo attento e accurato le entrate ai terminal. Con il supporto del partner Integra sei - dall’esperienza trentennale nella gestione della security e specializzato in progetti e mercati diversificati (dalla vendita delle casseforti all’installazione di impianti di sicurezza completi) - dormakaba ha implementato un sistema composto da centrali di controllo accessi (Access Manager 92 00) alle quali sono collegate le antenne RFID 90 04, installate agli ingressi dei terminal, e i cilindri digitali con pomolo, installati su porte con più elevati requisiti di sicurezza. L’access manager 92 00 va incontro ai moderni requisiti di sicurezza. La sua flessibilità, infatti, consente varie possibilità di utilizzo: dal semplice controllo di una singola porta, fino alla gestione di varchi più complessi. Le antenne 90 04 agli ingressi dei terminal sono adatte a installazioni in ambienti esterni, in quanto resistenti all’acqua e agli agenti atmosferici (classe di protezione IP 66). L’antenna RFID 90 04 costituisce, insieme all’access manager, una soluzione di controllo accessi sicura e offre, al contempo, una pratica identificazione dell’utente. Il cilindro digitale, invece, è installato comodamente, senza alcun cablaggio, nelle porte in cui si richiede un’ autorizzazione all’accesso. Come per l’antenna, è sufficiente tenere la tessera con chip RFID davanti al pomolo esterno: una segnalazione acustica e visiva (rosso/verde) indica se l’accesso è consentito o negato. I dispositivi sono connessi al sistema centrale di controllo accessi exos 9300, che offre una vasta gamma di moduli scalabili che si adattano facilmente alle specifiche esigenze, includendo la gestione delle autorizzazioni, gestione visitatori, gestione parcheggi, orari, presenze e molto altro. Il sistema, inoltre, comprende il modulo CardLink per gestire, attraverso un unico sistema, i componenti stand alone (cilindri digitali). Per una pratica e semplice programmazione dei supporti (tessere), il sistema comprende anche un lettore da tavolo, connesso al PC attraverso un’interfaccia USB. Mentre, per la programmazione dei componenti stand alone, il cliente può avvalersi di un programmer portatile, che permette anche di recuperare i transiti e gli eventi sugli attuatori installati.